Un buco da 42 milioni di euro dovuto a un’evasione fiscale di massaa Castelvetrano, nel trapanese, patria del latitante Matteo Messina Denaro. A rilevare l’ammanco, i commissari straordinari del ministero dell’Interno dopo lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose. Dai tributi non pagati alla mancata riscossione che sarebbe pari al 65%. Riguarda imposte comunali non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Manfuso: “Non sfido il mio ex D’Attorre”

prev
Articolo Successivo

“Non sono adatto ai riti di questo Pd: io mi fermo”

next