Auna settimana dall’invasione del cantone curdo-siriano di Afrin da parte dell’esercito turco, Ankara e Washington avrebbero trovato un accordo su come gestire questa disputa che ha creato l’ennesima frizione tra i due alleati Nato. Con questa operazione militare – soprannominata con sprezzo del ridicolo ‘Ramoscello d’ulivo’ – oltre confine dove vive la minoranza etnica, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Guantanamo di al-Sisi: entri a Tora e poi muori

prev
Articolo Successivo

“Cacciata” da Riace secondo la legge, bruciata a Rosarno

next