Il giorno in cui incontrammo il padre di Emanuele Scieri era un giorno di sole, funzionario di Dogana. Il figlio era morto da poco. Era un giorno di nitore, davanti brillava il mare del porto di Siracusa e nella contraddizione surreale del lutto e della luce, che convergevano in una strana riluttanza, Corrado, il padre, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Hockey, pizzo e neonazisti: “Lavoro da mafia normale”

prev
Articolo Successivo

Compito per gli studenti: scovare il fascismo di oggi

next