Destituzione alla quasi unanimità, altro che partito del Consiglio di Stato salva Bellomo. L’Adunanza generale, ieri, ha deciso, per la terza volta nella storia, di cacciare un suo membro: Francesco Bellomo, indagato a Piacenza per “atti persecutori” e a Bari per estorsione. È il direttore della scuola “Diritto e Scienza che imponeva alle allieve aspiranti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Verna lo dimostra: l’Ordine non serve a nulla

prev
Articolo Successivo

Milano, le ex allieve convocate in Procura

next