Un uomo solo al comando. Abdel Fattah al-Sisi, presidente dell’Egitto, auto-elettosi col golpe del 2013 contro la leadership della Fratellanza Musulmana, si ripresenterà, di fatto, come unico candidato alle presidenziali. Fra gli altri possibili sfidanti, molti si stanno ritirando alla chetichella, prefigurando un copione già scritto. Gli egiziani si recheranno alle urne a marzo, dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’altra verità della tutor per smentire Regeni

prev
Articolo Successivo

“Il fascismo è eterno: ecco come lo si può riconoscere”

next