Sono passati due decenni da quando Feltrinelli pubblicò Sostiene Pereira (1994), provo a leggerlo al presente, i classici parlano anche di noi. La storia si svolge a Lisbona sotto il regime di Salazar, alla vigilia della seconda guerra mondiale. È un’estate torrida e Pereira, giornalista del Lisboa, vede la dittatura ma non fa nulla per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Non votiamo chi è contro la carta

prev
Articolo Successivo

“Madia Antonietta”: ministra del vuoto ancien régime

next