Il 31 dicembre 2007 alle 23.10 la camorra di Torre Annunziata le uccise per errore il marito ed ora la vedova ha acquisito una casa confiscata al clan Gionta, l’ha rimessa in sesto e vuole trasformarla nel luogo dove riavviare la sua vita. Oggi sono trascorsi dieci anni e un cerchio si è chiuso. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Far West a Bitonto: anziana forse usata come scudo umano

prev
Articolo Successivo

Militari italiani in Niger, altro che lotta ai jihadisti. In ballo miniere della Francia e risorse del Sahel

next