La Corte suprema russa ha respinto l’appello del leader dell’opposizione Alexei Navalny contro la decisione della commissione elettorale centrale che gli vieta di prendere parte alle elezioni presidenziali del 18 marzo a causa di una precedente condanna. “Cazzo che sorpresa!” ha commentato in modo amaro Navalny, che scrive su Twitter: “Ho tre valutazioni da fare: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Armi da Tel Aviv, il Guatemala ringrazia

prev
Articolo Successivo

Altro che ospedali: agli esami clinici ci pensa Mr. Virgin

next