Nel processo per la Trattativa Stato-mafia, per il quale è in corso dal 14 dicembre la requisitoria nell’aula bunker del carcere dell’Ucciardone a Palermo, si ricostruisce la vicenda del presunto negoziato dei primi anni 90. Davanti alla Corte d’assise presieduta dal giudice Alfredo Montalto, l’accusa è rappresentata dai pm Nino Di Matteo, Roberto Tartaglia, Vittorio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Così Mori e Dell’Utri trattarono con la mafia”

prev
Articolo Successivo

Indipendentisti al fotofinish. Marta regina di Barcellona?

next