La Banca d’Italia non ha la bacchetta magica”. Ignazio Visco dopo ore di audizione appare stranamente rilassato. L’operazione diversivo, brevettata dal presidente della Consob Giuseppe Vegas, è riuscita anche a lui. Gli basta rivelare il mistero buffo di Matteo Renzi che va a parlargli degli orafi di Vicenza e di Arezzo, e da lì è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le rivelazioni: chi ha detto cosa

prev
Articolo Successivo

L’ultima linea di difesa: “Niente pressioni”. Ma il conflitto d’interessi c’è eccome

next