Per Vladimir Putin il 20 dicembre è la data che più lo coinvolge e lo commuove: la “festa del cekista”, cioè il giorno in cui la Russia celebra gli spioni. Per la casta degli intoccabili 007 russi, è un appuntamento in cui chi vi appartiene si riconosce. E rinsalda i legami. Prima che l’Urss crollasse, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ahed, la giovane star palestinese che “picchia” i soldati israeliani

prev
Articolo Successivo

Il virus “Wannacry”: prova generale della cyber-guerra degli hacker di Kim

next