Terza e ultima relazione della Commissione d’inchiesta sul caso Moro: 700 mila documenti digitalizzati, tutti desecretati, assicura il presidente Giuseppe Fioroni, tranne quelli usati dalla Procura di Roma per le indagini in corso. Un immenso materiale documentale che piomba sulla nebulosa del delitto più importante del ‘900 italiano con alcuni punti fermi. Il primo: Valerio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Procuratore capo promuove pm indagato: è coinvolto in inchiesta su sentenze pilotate

prev
Articolo Successivo

Avanti tutta con l’ode!

next