Dopo i medici del Servizio sanitario nazionale, venerdì saranno i precari degli enti pubblici di ricerca a scioperare. Sono gli addetti di due settori cruciali per il Paese, ma quasi del tutto dimenticati dalla legge di stabilità all’esame del Parlamento. Il governo aveva fatto promesse a entrambe le categorie, ma poi non le ha mantenute, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Non solo Anas-Ferrovie: il fascino del monopolio

prev
Articolo Successivo

Perché nessuno riesce a sradicare davvero il caporalato

next