Il boia di Srebrenica non si è mai pentito: “Ho difeso il mio paese”. Al processo voleva presentarsi con la sua uniforme con le stellette sulle spalle, come quando comandava la sua unità, gli “Scorpioni”. Dopo 4 anni di udienze e 300 testimoni, i giudici del Tribunale Penale Internazionale dell’Aja pronunceranno oggi la sentenza di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’urlo di Chen terrorizza anche l’ateneo di Harvard

prev
Articolo Successivo

Direttore di giornale condannato a 3 anni per un Tweet “gulenista”

next