Su di un cartellone rosso come il fuoco del sapere, leggo: “Ci prendiamo cura di quello che raccontate”. Diamine, penso, che sia un azzeccato slogan di Book City 2017? Se sì, gli perdono la provinciale sottomissione dell’italiano all’inglese… Macché. Il cartellone è una pubblicità della MM. Da mesi. Però l’affinità semantica con la manifestazione dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tavecchio molla. Gli resta soltanto B.

prev
Articolo Successivo

A Napoli i soldi non arrivano mai, è sempre colpa del passato

next