La Turchia ha il suo nemico numero uno: si chiama Fetullah Gülen, imam in esilio volontario negli Stati Uniti, nei boschi della Pennsylvania. Dietro ogni avversità, Ankara vede un complotto dell’ex alleato del presidente Erdogan: lo vuole a tutti i costi, fino a promettere 15 milioni di dollari a funzionari americani, disponibili a organizzare una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Ciò che raccontano quelle donne è vero: ho abusato del mio potere”

prev
Articolo Successivo

Nasrallah soffia sul fuoco: “I sauditi vogliono la guerra”

next