Una seduta d’aula fissata per la mattina che si esaurisce in poche ore e riunioni delle Commissioni sconvocate, da ieri a martedì prossimo: su richiesta della Lega nord l’attività del Parlamento si è fermata in vista del referendum che si terrà in Lombardia e in Veneto. I regolamenti prevedono che un gruppo possa chiedere l’interruzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Tentenna al passo d’addio, “Pisapia vuole ritirarsi”

prev
Articolo Successivo

“Io e Berlusconi siamo uniti dalle lenzuola”

next