È il cerchio che si chiude, tra diffide, cause legali e scontri interni. Il congresso della funzione pubblica Cisl si è concluso ieri con l’elezione a segretario di Maurizio Petriccioli, l’uomo spedito a gennaio scorso da Annamaria Furlan a commissariare in fretta e furia la federazione degli statali. A nulla è servita la diffida inviata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

M5S, col reddito di cittadinanza “15 miliardi di flessibilità Ue”

prev
Articolo Successivo

Cancellati i voucher parte la corsa ai contratti a chiamata: 129% in otto mesi

next