Ci sono voluti 632 giorni, ma ieri – finalmente – il Senato ha approvato la legge che protegge chi ha il coraggio di denunciare corruzioni sul posto di lavoro, pubblico o privato che sia. È la cosiddetta legge sui Wistleblower, nome mutuato dagli americani, antesignani di questa norma che all’estero, laddove c’è, ha fatto recuperare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Rai fa il pieno dei Parodi: arriva anche il fratello Roberto

prev
Articolo Successivo

Su Wikipedia una manina dall’Iit cambia “E. Cattaneo”

next