Il coordinamento democrazia costituzionale – che prosegue la battaglia dopo aver salvato col referendum la Carta dalla riforma del governo renziano – ha approvato un appello in cinque punti per una nuova legge elettorale che, sia chiaro, parte dal presupposto di far scegliere i parlamentari ai cittadini. Al punto 1, per esempio, c’è scritt: “La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese