“La mia legge va superata: ora i matrimoni gay”

Monica Cirinnà - La senatrice Pd, madrina delle unioni civili, e l’alleanza con Alfano (“letto di spine”)
“La mia legge va superata: ora i matrimoni gay”

“La legge Cirinnà non va migliorata. Vorrei che fosse proprio superata”. A pronunciare queste parole, strano ma vero, è proprio Monica Cirinnà, la senatrice Pd che ha firmato la legge sulle unioni civili approvata definitivamente l’11 maggio 2016 dopo un lungo e travagliato iter parlamentare. Addio legge Cirinnà quindi, dice Cirinnà, ma per fare che? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.