“La legge Cirinnà non va migliorata. Vorrei che fosse proprio superata”. A pronunciare queste parole, strano ma vero, è proprio Monica Cirinnà, la senatrice Pd che ha firmato la legge sulle unioni civili approvata definitivamente l’11 maggio 2016 dopo un lungo e travagliato iter parlamentare. Addio legge Cirinnà quindi, dice Cirinnà, ma per fare che? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Rosatellum, Forza Italia vuol dire “fiducia” sicura

next