È la prima domenica d’ottobre: soleggiata, tiepida. Sono circa le 13 e 50. Seduto su una panchina, a due passi dall’atrio della stazione di Saint-Charles di Marsiglia, un uomo sui 30-35 anni si alza di scatto e corre verso i passanti, impugnando un coltello. Urla, almeno così riferiscono i testimoni, “Allah Akbar!”: Dio è grande. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Oltre il punto di non ritorno: risveglio di un paese spaccato

prev
Articolo Successivo

Sanità, i dati contro la Raggi sono di quando non c’era

next