Tutto è cominciato ad aprile. Quando a Barcellona viene arrestato il programmatore russo Piotr Levashov, 36 anni, su richiesta degli Stati Uniti perché accusato di cyberspionaggio nel caso Russiagate. Che ci faceva in Catalogna questo misterioso hacker, il re dello “spam”, capo del motore spam Kelikhos, creato nel 2010, ex militare ed ex membro di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

L’invenzione del razzismo

next