Che si deve fare per campare e farsi ricandidare. Il povero Pier Ferdinando Casini deve averlo pensato nel momento esatto in cui, dopo giorni di tentennamenti, s’è lasciato convincere ad abbandonare la cara, vecchia poltrona di presidente della commissione Esteri del Senato per quella, ugualmente presidenziale, della commissione d’inchiesta parlamentare sul settore bancario. Ieri infatti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ricercatori sì, ma della stabilità: la lotta dei 10 mila studiosi precari

prev
Articolo Successivo

Passa la norma sugli agenti: la Vigilanza batte la Rai

next