L’autobiografia della ligéra, come una volta si chiamava la mala meneghina di quartiere, non finisce mai. Milan la cambia, Milano cambia ci dice chi la governa e chi ci vive, però il lupo perde il pelo, non il vizio. Questo capitolo, per esempio, lo potremmo intitolare: “Incastrati dai nomi”. In via D’Agrate, zona Corvetto, c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il calcio ai tempi dell’asilo infantile

prev
Articolo Successivo

I bar di quartiere a Roma, i cornetti caldi e il trionfo del juke box

next