Potesse, Mutti Merkel, affiggerebbe anche lei le sue 95 “tesi” per migliorare la Germania, stroncare la xenofobia, risanare la società e l’Europa, alla porta del duomo di Wittenberg, che poi è la grande chiesa del castello, la Schlosskirche. Sarebbe un gesto altamente simbolico. Profondamente identitario. Heimat e religione. Ma prima di lei, sia pure con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“La deputata anti-abusi è una minchiona”

prev
Articolo Successivo

“I profughi fanno paura, AfD lo ha capito”

next