Le Camere hanno dedicato quasi l’intera legislatura alla ricerca di una legge elettorale, senza riuscire ad approvarne una conforme alla Costituzione. Oggi, come nella prima fase, assistiamo a esitazioni e ritardi, dopo un periodo di improvvise accelerazioni e prove di forza (anche sotto forma di voti di fiducia), che hanno condotto a una legge approvata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caos calmo a 5 Stelle. La festa di Rimini e l’enigma Di Battista

prev
Articolo Successivo

Catalogna, la protesta s’allarga. E non si arresta

next