Dallo spaccio al racket, dai rave party illegali ai bivacchi forzati dei migranti. Forme diverse di degrado e un unico comune denominatore: i parchi di Milano. La lista è lunga, centro e periferie. Almeno 200 i luoghi (anche solo piccole aree gioco) segnalati a palazzo Marino. Dai giardini Montanelli fino al Buden Powell, area verde […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ordinanza anti-prostitute. Ma le lucciole non si trovano

prev
Articolo Successivo

Dove Angela è diventata la “Mamma” dei tedeschi

next