Nel centro di Templin, all’angolo fra Schinkel strasse e la Matin Luther strasse, una troupe olandese insegue un’anziana signora per chiederle se è orgogliosa di Angela Merkel, sicura vincitrice delle prossime elezioni, per la quarta volta padrona della Germania, dunque dell’Europa. Templin è il paese dove la Merkel è cresciuta, quando si chiamava ancora Angela […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Milano: spaccio e degrado, allarme nei parchi

prev
Articolo Successivo

Il Bundestag trema, Afd può diventare terza forza in Parlamento

next