“Gentilissimo medico, visto che da più di dieci anni presti servizio di guardia medica, rendendoti reperibile di notte e nei festivi, d’estate e d’inverno, in sedi spesso scomode e disagiate, lavorando per almeno cento ore al mese, dovresti per favore restituirci cinquantamila euro”. Sembra paradossale, ma è nei fatti questo il senso delle lettere che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Dottoressa violentata per 3 ore in ambulatorio

prev
Articolo Successivo

Sos zanzare. Ecco come prendere voti e soldi

next