Un uomo si presenta alla guardia medica, citofona, dice di sentirsi poco bene, mentre il medico che lo osserva dalla telecamera di sorveglianza gli apre la porta. Succede ogni giorno e oggi notte in tutta Italia, ma questa volta nel presidio di Trecastagni, diecimila abitanti alle pendici dell’Etna, si è consumato l’orrore. Il 26enne Alfio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

M5S: il consenso non vale l’abiura dei propri temi

prev
Articolo Successivo

Via il bonus rischi, paga la guardia medica

next