Vladimir Putin forever. A seconda dei punti di vista, una minaccia. O una promessa. Mentre il più accanito degli oppositori, l’avvocato blogger Aleksej Navalny distribuisce t-shirt col logo Mosca 1968-2018 (“in Russia non c’è stato il Sessantotto, ma lo faremo l’anno prossimo”), il capo del Cremlino, sornione, fa trapelare l’indiscrezione della sua nuova candidatura: la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Scomparsa 17enne: si indaga per sequestro di persona

prev
Articolo Successivo

Chi vincerà la guerra all’Isis? Corsa tra curdo-americani e russo-siriani per l’oro nero

next