A di Ape. Se c’era una certezza, nella nostra infanzia, era questa. L’abbecedario, come lo chiamava Pinocchio. Era un principio, una regola. Un dogma linguistico. Una verità assoluta, di quelle che ti porti dentro tutta la vita. Su quei cartelli appesi sui muri della prima elementare, si formava la nostra idea del mondo. E la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Concorsi, la schizofrenia di governo che umilia i prof

prev
Articolo Successivo

Barcellona vota in piazza. “Madrid ci dia le urne”

next