Cosmopoliti per vocazione i Pericopes+1 hanno trovato nell’equilibrio fra echi jazz, elettricità e l’energia post-rock il giusto linguaggio per raccontarsi. Sintesi capace di annullare distanze geografiche e culturali. Legacy (secondo disco del trio, in uscita oggi) è testimonianza di una raggiunta maturità. Attingendo ai suoni metabolizzati in anni di esperienze individuali e colletive il trio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

È “Fantasy” ma sembra vero: George non è mai morto

prev
Articolo Successivo

Concita in gita a Venezia. Il Cinema è solo contorno

next