Udite! Udite! Nuovo furto informatico che sputtana ancora una volta lo sport (peraltro specchio della società contemporanea): dopo l’atletica, dopo il ciclismo, dopo la ginnastica, stavolta, nel mirino dei cattivoni hacker russi è finito l’intoccabile calcio. Una profanazione! Si attendono proteste vigorose. Smentite piccate. Accuse agli spioni del web: sono l’arma impropria dei servizi russi! […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

“Sono un medico del web. Per ora”

next