Solo le persone da poco non giudicano dalle apparenze, proverbiava Wilde. E le apparenze dicono che dietro le esecuzioni mediatiche dell’Isis e gli attentati d’ogni sorta dei suoi adepti più vicini o lontani esiste la realtà di una decapitazione o di un corpo contorto di una vittima morente. I lupi più o meno solitari del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Altro che unità: Catalogna e Madrid litigano su Daesh

prev
Articolo Successivo

L’orrore non si può esibire, solo raccontare La nostra cultura vale più delle foto feroci

next