Macron detto anche l’Africain, perché appena eletto è andato subito in visita ai soldati francesi schierati in Mali per ribadire l’impegno della Francia “al fianco dei Paesi africani nella lotta contro il terrorismo” (19 maggio), avrà parecchie gatte “africane” da pelare, al ritorno dalle vacanze. Con l’amico Mohammed VI, che l’aveva invitato a Rabat assieme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il governo libico avvia la procedura per controllare il mare fino a 97 miglia

prev
Articolo Successivo

‘Ong Trudeau’: accogliamo i profughi di Trump

next