Undici contro uno, naziskin che compiono spedizioni punitive nel pieno centro di Mantova. Cercano un ragazzo, lo trovano, lo picchiano in mezzo alla gente. Mantova sabato sera si è svegliata improvvisamente dal torpore estivo. Erano le ventitré, in via Calvi: siamo in uno dei centri storici più belli d’Italia. Quelle case basse pastello che rimandano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

F35, speriamo almeno che i nostri politici si siano fatti pagare bene

prev
Articolo Successivo

La polizia sgombera il “Làbas” Merola: “Aiutano i più deboli”. Galletti si schiera con gli agenti

next