L’opposizione non sa bene come fermare la deriva autoritaria del governo, a causa delle divisioni interne, e Maduro piazza un altro colpo da ko: la Corte suprema ha incriminato Luisa Ortega Diaz, rimuovendola dal suo ruolo di procuratore generale. Il magistrato, ex chavista, non solo si era opposta alla creazione dell’Assemblea costituente voluta dal presidente, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Kagame, e sarò (per sempre) il tuo presidente

prev
Articolo Successivo

Profondo Rio, il samba con le campane a morto

next