Quando un candidato alle elezioni presidenziali vince con il 98% dei voti, forse sarebbe il caso di porsi qualche domanda. In Ruanda, giovane repubblica in forte espansione economica dopo l’orrore del genocidio del 1994, Paul Kagame, 59 anni, etnia tutsi, da diciassette anni a questa parte non ha rivali. Secondo gli Stati Uniti le elezioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ambasciatore non porta pena, ma pacchi di soldi

prev
Articolo Successivo

Via il giudice scomodo: il senso di Maduro per la democrazia

next