Nella notte in cui cadono decine di stelle, appena dopo l’una e mezzo si forma un piccolo corteo. Discreto, silenzioso, annunciato solo da un leggero scalpiccio di passi. Cala d’Oliva, isola dell’Asinara: di qua acque verdi trasparenti sotto la luna, di là il minuscolo borgo dove si riuniscono il bar, l’ostello e pochi appartamenti sul […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Siamo un Paese troppo creativo: anche sugli sprechi”

prev
Articolo Successivo

Testatina 0508

next