Il povero cagnolino che, stordito dalla confusione tipica delle feste Pd, l’altro giorno ha azzannato bonariamente l’ex segretario del partito, Walter Veltroni, non poteva certo immaginare che un piccolo morso potesse suscitare tale clamore politico. Ieri anche l’attuale leader democratico, Matteo Renzi, ospite della stessa festa a Botticino, in provincia di Brescia, è tornato a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese