“Non serve una riforma così profonda”: questo il coraggioso epitaffio che ha giustificato il veto del presidente polacco Andrzej Duda: “Ho deciso di rinviare al Parlamento la legge sulla Corte Suprema e quella sul Consiglio giudiziario nazionale – ha dichiarato alla tv – questa legge non rafforzerebbe il senso di giustizia nella società. Il sistema […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Banche venete, obbligazionisti beffati due volte

prev
Articolo Successivo

Kushner, per lui Mosca è solo un insetto

next