Dal Duomo ai bastioni di Porta Venezia, dalla Stazione centrale alle prime strade di Chinatown in via Paolo Sarpi, garage dopo garage, la conta sale a 30 indirizzi almeno. Tante sono le bandierine sulla cartina di Milano, dislocate tutte in zone centrali. Parcheggio sull’insegna, dietro le quinte ipotesi, sta scritto negli atti, di legami con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

A colpi di acido in faccia, piccoli criminali crescono

prev
Articolo Successivo

“In Russia mi sono finto parente di Al Bano, ed è stato un successone”

next