Ormai il dinamico Emmanuel Macron è uno, (nessuno proprio no), e centomila. Esporta ovunque il suo brand: ottimismo, promesse e sciovinismo. A Berlino, a Trieste, in Africa. Il suo iperattivismo supera persino quello accentuato di Nicholas Sarkozy. Vuole rilanciare il ruolo e il destino della Francia nel mondo; quanto all’Europa, ambisce a esserne leader, magari […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le moschee, i selfie, la morte

prev
Articolo Successivo

A Bruxelles si chiacchiera, in Italia migliaia di sbarchi

next