Allarme rientrato, i fedeli affetti da celiachia possono prendere la comunione senza temere per la propria salute. La rassicurazione arriva dall’Aic, l’Associazione italiana celiachia: “I fedeli celiaci possono comunicarsi assumendo ostie contenenti quantitativi di glutine idonei per i pazienti e riconosciuti dalla Santa Sede”. L’associazione è intervenuta per fare chiarezza e rassicurare i fedeli dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sicilia, la battaglia del grano contro il brevetto veneto

prev
Articolo Successivo

“Politica, porcheria di mestiere” “Così non si può amarla”

next