Alcuni mesi fa sono andato sulla tomba del Comandante a Santa Ifigenia per portare un fiore e una promessa: nell’anno della tua morte condurrò alla vittoria la città in cui hai fatto nascere la Rivoluzione. Così è stato”. Lorenzo Mambrini manda una nota audio dopo l’altra: le Z ormai sono diventate S, l’inflessione umbra è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Nessuna musa ispiratrice, credo nella folgorazione”

prev
Articolo Successivo

Wimbledon: i sogni muoiono all’alba, le sorprese arrivano al tramonto

next