Succede in Italia che un’archeologa iper-titolata, esperta di Magna Grecia, vinca una selezione per il posto di soprintendente di Reggio Calabria nel novembre 2016. Succede che il ministero dei Beni culturali guidato dal “vicedisastro” (copyright Matteo Renzi) Dario Franceschini neppure due mesi dopo averla fatta insediare la cacci con un decreto di pensionamento immediato. Succede […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Élite senza più privilegi

prev
Articolo Successivo

“La particella Xi ci spiega cos’è la materia”

next