Nell’aula bunker dell’Ucciardone non andrà Vladimir Putin, ci sarà invece Giuseppe Graviano, il boss stragista di Brancaccio a raccontare, dopo che la sua voce è stata intercettata in carcere e dopo le polemiche sulla consapevolezza, o meno, di essere ascoltato, la sua verità sulla stagione stragista e soprattutto sui suoi rapporti, finora presunti, con Silvio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Australia, 4.444 violenze in 60 anni coperte per “proteggere la Chiesa dalla vergogna”

prev
Articolo Successivo

Il Pd si rimangia le misure anti-corrotti: B. non vuole

next