L’ultima tranche del processo per le tangenti sul Mose – il sistema di paratie mobili che avrebbe dovuto proteggere Venezia dall’acqua alta – si avvia alla conclusione con una richiesta di condanne pari a 27 anni per gli 8 imputati che hanno scelto di non patteggiare. La pena più alta è quella richiesta per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’Appendino è indagata, ma il Pd attacca Spataro

prev
Articolo Successivo

Le 4 domande

next